Artisti

CentoPittori Genere Eventi Mostre Movimenti Recensioni

 


 
  Francesco Russo
Share   Opere >>
 

 
 

 

Francesco Russo è nato a Trentola Ducenta, in provincia di Caserta, dove vive e lavora. Si è diplomato all’Istituto Statale d’Arte “F. Palizzi” di Napoli, nella sezione decorazione pittorica. Ha frequentato il Magistero, ne ha conseguito il titolo e al Concorso a cattedra, si è abilitato all’insegnamento di Educazione Artistica e più tardi a quello di Disegno e Storia dell’Arte negli Istituti secondari di II grado.
Sul finire degli anni ’60 inizia la sua attività artistica e partecipa alle prime collettive. Nel 1974 realizza la prima personale ed espone presso l’Istituto “Maria SS. Preziosa” di Casal di Principe le opere che sono ancora legate ai caratteri della pittura metafisica di De Chirico e a quella surrealista di Dalì e Magritte che sono stati i punti di riferimento nella sua formazione professionale. Gli impegni di lavoro e familiari, lo portano a dipingere saltuariamente e, solo nel 1996, dall’incontro con il critico d’arte Carlo Roberto Sciascia, riprende la sua attività espositiva che da quel momento non conoscerà più sosta, tant’è che a tutt’oggi vanta oltre duecento esposizioni sia a livello nazionale che internazionale.
Nello stesso anno entra a far parte del movimento artistico “Ars Supra Partes” nel quale ha modo di confrontarsi con un qualificato gruppo di artisti con i quali intraprende un significativo cammino che ancora oggi continua.
Nel 1997 diviene membro associato e partecipa alle attività artistiche dell’A.I.A.M. (Accademia Internazionale d’Arte Moderna) di Roma, presso la quale nel 1999 è stato insignito del Trofeo Internazionale “Medusa Aurea” XXIII edizione.
È del 1998 la sua prima esposizione all’estero, presso la Galleria Bertrand Kass di Innsbruk (Austria), alla quale seguiranno, con una programmazione sempre più continua e in collaborazione con lo studio d’arte “Il Ponte” di Roma, tante altre che lo vedranno impegnato nelle più grandi città europee e d’oltre oceano. Ha esposto, infatti, oltre che nelle più importanti città italiane, anche a: Amsterdam, Atene, Bahia, Barcellona, Berlino, Bruxelles, Chouzé sur Loire, Cracovia, Dublino, Ibiza, Innsbruck, Kalkis, Laurana, Lisbona, Londra, Malta, Meisterschwanden, Montecarlo, Mosca, New York, Parigi, Praga, San Pietroburgo, Tirana, Varsavia,Vienna, Zagabria.
Nel 1999 è insignito del titolo di Accademico di Merito Belle Arti e Lettere presso l’Accademia Internazionale “Città di Roma” e del Titolo Onorifico di Professore H.C. presso l’Accademia Italiana “Gli Etruschi” di Vada (Livorno). Nello stesso anno entra a far parte dell’U.C.A.I. (Unione Cattolica Artisti Italiani) di Caserta, ne assolve la carica di vice-presidente e ancora oggi ne condivide gli alti valori umani e cristiani, espressi in opere a carattere religioso e sociale, oggetto di tante mostre che ne caratterizzano l’indirizzo.
Una grande mostra antologica, nel 2000, segna una tappa molto importante : il trentennale della sua carriera artistica.
Dal 2004 è vice-presidente dell’Associazione Culturale “Campi Stellati” di Santa Maria la Fossa (Caserta) con annessa galleria, nell’ambito della quale, insieme ad un gruppo di artisti casertani e al critico e storico dell’arte Angelo Calabrese, ha intrapreso un nuovo cammino artistico che prevede, tra l’altro, anche un laboratorio di arte applicata del quale è direttore artistico responsabile.
Dal 2010 partecipa al progetto “Artisti dell’Area del Mediterraneo e della Mitteleuropea”.
Le sue opere sono conservate presso i Musei di Morcone e di Capua, la Pinacoteca di Caserta, il Palazzo Comunale di Trentola Ducenta, il P.I.M.E. (Pontificio Istituto Missioni Estere) di Trentola Ducenta, la Chiesa delle Figlie di Nostra Signora del Sacro Cuore di Roma, la Parrocchia San Giorgio Martire di Trentola Ducenta, il Convento di San Damiano di Assisi, le Chateau des Reaux in Francia, enti pubblici e privati di rilevanza nazionale. Due pale d’altare di notevoli dimensioni: “Il transito di San Benedetto” e “Il martirio di San Lorenzo” sono state acquisite dall’Abbazia benedettina di San Lorenzo Fuori le Mura di Aversa e un’opera di dimensioni più piccole: “MI-KA-El: chi è come Dio?” decora la parete della navata sinistra del Duomo di Casertavecchia.
E’ presente nelle più autorevoli pubblicazioni specializzate del settore.


Francesco Russo - Breve antologia critica

Giuseppe Santabarbara
Realtà, sogni, valori, nell’arte di Francesco Russo
da “Francesco Russo” Caserta 1996

L’arte di Francesco Russo, fedele ad un realismo non di maniera, offre la possibilità di ridare, in una interpretazione emozionale, nuovi/antichi significati al reale. Visioni panoramiche si alternano, nelle sue opere, a spezzoni di vita, a dettagli significativi, con una particolare attenzione alle problematiche del rapporto uomo-natura. C’è, in fondo, il desiderio di un ritorno alla semplicità delle origini, al senso pieno della vita. Al centro della ricerca artistica di Francesco Russo sono l’uomo, il trascorrere del tempo e l’attenzione alle nuove generazioni dalle quali soltanto si potrà sperare un rinnovamento della vita, un superamento degli egoismi, delle piccinerie, delle brutture. E la centralità delle persone e, in alcuni casi, di oggetti viene accentuata talora, e molto significativamente, dal ricorso a geometrie di sfondo, che danno profondità al dipinto e che contrastano con le linee morbide, suasive, addirittura voluttuose delle figure centrali. Anche la tavolozza, densa, ricca di contrasti, contribuisce a suscitare emozioni, ad evocare ambienti sognati, a provocare consapevolezze.


Carlo Roberto Sciascia
Tra esteriorità ed interiorità,
da “Francesco Russo” Caserta 1996

L’indagine di Russo, condotta con la consapevolezza e l’attenzione di chi persegue lo scopo di soddisfare il desiderio di bellezza percepita nella natura e di ricercare la propria identità, fa scaturire l’apparente rivelazione del reale che lentamente cede il posto ad una profonda verifica degli elementi visivi ed apre la porta all’esplorazione interiore del proprio io.
L’analisi formale, sia cromatica, sia compositiva, delle opere evidenzia la qualità di colori senza filtri e la concretezza di una “terrestrità” sempre presente e ribadisce il concetto del “quadro nel quadro”, per cui la superficie visiva rappresenta il luogo della contiguità ambigua ed inquietante tra esteriorità ed interiorità.


Enzo Fabiani
Francesco russo,
da “Nuova Arte” Milano, dicembre 1997

Con una pittura eseguita con una tecnica che dimostra di essere sostenuta dalla giusta padronanza del disegno, Francesco Russo, sempre partendo dalla realtà crea composizioni di esplicito o accennato simbolismo, riuscendo ad ottenere un equilibrio tra le due forze. Non mancano combinazioni più dichiarate, in cui si arriva ad una virtuosistica efficacia, ad esempio nel raffigurare stoffe e plastiche, con risultati di convincente qualità.


Giorgio Falossi
Evocazioni di momenti ideali,
Milano 1998

Chiara risulta la particolare prospettiva all’interno della quale l’artista agisce; il suo interessamento non è tanto volto agli oggetti, quanto alla loro capacità di costituirsi evocazioni di un momento ideale. L’arte di Francesco Russo, così contenuta, trova la sua necessità, la sua validità, il suo alimento in un incessante ed impellente ripensamento sull’uomo e sul suo destino.
Una pittura di grande slancio, ove il figurativo diviene verismo; dove la realtà diviene domanda di vita umana su una essenza metafisica. Una pittura che può sembrare di semplice visione, ma che invece si pone come interrogativo alle tante passioni umane.


Claudio Del Villano
La trasparenza e l’ostacolo,
da “Trent’anni di pittura” 1ª edizione, 2000

La produzione artistica di Francesco Russo si distende e si svolge all’interno di due forme archetipi: la trasparenza della luce e del colore e l’ostacolo della materia rappresentata, quasi due poli, che variamente si intrecciano o si respingono nelle sequenze espressive delle rappresentazioni e delle intuizioni estetiche. Sin dall’esordio, infatti, dove pur prevale una ricerca accurata del colore e delle forme, si avverte qualcosa di limpido e trasparente. L’immagine riesce sempre a comunicare esperienze vissute e un mondo interiore, estremamente vario e ricco, dove a tratti la drammaticità di un impegno filosofico esistenziale si sposa con la speranza, a volte rassegnata, a volte disillusa, di poter narrare l’“umanità” e gli “oggetti”, come testimoni viventi della partecipazione ai grandi problemi dell’uomo contemporaneo.


Carlo Inzerillo
Il senso pieno dell’esistenza,
da “Trent’anni di pittura”, Urbino, luglio 2001

I valori che Russo vuole affermare sono quelli essenziali di sempre, sentiti come gli unici possibili, affinché l’umanità possa conservare la sua identità nel divenire storico-esistenziale, nella ricerca continua di un compromesso tra evoluzione e modernità da una parte e conservazione di una saggezza “antica” dall’altra, la sola che può dare equilibrio alla società e mantenere sempre vivo il seme rigeneratore dell’umanesimo, inteso come vera e unica forma mentale del nostro essere.
Si può convivere col mutare degli eventi, che pure impone il suo prezzo da pagare, ma si deve, perché si può, impedire il dissolvimento dell’io, male del nostro tempo. L’epoca della plastica e il consumismo sono i principali nemici (gli “ostacoli”) della nostra vita interiore, che non è stata destinata a confondersi con gli oggetti materiali e le cose comuni, ma tende alla sublimazione ideale e metafisica, all’universalismo dei “punti di riferimento”; tuttavia in questo passaggio epocale Russo non si perde d’animo, riesce a recuperare il senso pieno dell’esistenza e a ritrovare l’energia, duramente messa alla prova dalla banale materialità del nostro esistere giorno per giorno, che gli consente di salvare l’uomo e tutto il retaggio di valori, gli ideali e le pulsioni poetiche.


Michela A. Gioia
Francesco Russo: oltre la materia,
da “L’Universo dell’anima”, settembre 2001

L’artista ha la capacità di recuperare il vissuto quotidiano, di fissare lo scorrere del tempo, di cogliere la banale e scontata realtà che ci circonda per costruire l’altro, l’ultroneo che con tenace sensibilità cerca di recuperare. Una natura morta non è la pedissequa ricostruzione di una spenta realtà: è il pretesto ed il mezzo attraverso il quale l’artista suggerisce intuizioni, sopite e passive lacerazioni nell’ingorgo dello spazio intimistico scandito dall’incombente e necrotica evoluzione temporale. Il “panta rei” con la sua inesorabile successione di fotogrammi apparentemente simili, in Francesco Russo diventa una miniera nella quale recupera scarti, passaggi, momenti apparentemente insignificanti per riproporli con una lettura diversa nella quale visibilmente si coglie un approccio riqualificante della materia che, spesso emigra, si trasfigura, si scompone e si ricompone.
Un artista, insomma, che vola in alta quota e che meritatamente appartiene a quella non folta schiera di eletti capaci di scavare in quelle pieghe dello spazio reale per nobilitarlo, attribuendogli quel ruolo salvifico nell’universo dell’anima.


Michele Alemanno
La pittura di Francesco Russo,
da “OggiFuturo”, Reggio Calabria 2001

La pittura di Russo, lucida e perfetta nella sua concezione, è la traccia di un percorso vissuto e di vane attese; ricerca di riconoscersi spiritualmente per ritrovarsi nel cammino che, comunque, conduce al domani! Patine di origine remota avvolgono l’umana esistenza; barriere diafane, appena percettibili ma inviolabili che pongono limiti all’intelligibile. Lì dove tutto appare a portata di logica terrena, emergono pilastri che sorreggono verità inafferrabili e altre dimensioni per la misteriosa avventura dell’uomo. Solo il fatuo, sempre chiaro e percettibile, rimane in attesa di una fede non crocefissa che diradi ombre e oscurità, che dia senso allo scorrere del tempo senza farlo diventare un ricordo.


Ernesto Rascato
E l’arte diventa “squarci di fede”,
da “Squarci”, Aversa, ottobre 2003

Con la sua grande capacità di recuperare e nobilitare il vissuto quotidiano, attribuendogli quel ruolo salvifico nell’universo del divino mistero, il pittore campano ha realizzato dipinti con volti trascendenti innamorati dell’Umanità. La presenza divina c’è sempre tra i colori vibranti ed emozionanti e ancor di più in quel passaggio, tanto originale, dai riflessi della plastica, che prima imprigionava - ostacolo trasparente - le sue composizioni, alla sovrapposizione di due mondi, due piani, due entità fortemente contrapposte che creano squarci intriganti e misteriosi, attraverso i quali è possibile ricostruire, ancorché vedere, il sublime, il reale, l’eterno. Dipinti che, pur pregni di una realtà sconcertante a volte e dai connotati iperreali, nei quali anche l’oggetto più comune assume significati ancestrali o comunque diventa il pretesto per suggerire connotazioni e situazioni ben più importanti, parlano di una primavera perenne di luce della grazia e di gioia della Risurrezione.


Roberta Rapelli
Fede e nuove albe,
da “Arte Mondadori” n. 378, Milano, febbraio 2005

Le opere di Russo sono permeate da un forte spirito religioso visibile nella scelta di alcuni soggetti e di certi temi, come nel suo lavoro “E poi… la nuova aurora” in cui, sullo sfondo di una sconfitta a scacchi, sorge una nuova aurora, segno di rinascita che sempre segue ai drammi. L’attenzione al dettaglio rivestito di simbolismi è diffusa in tutta la sua produzione, dai paesaggi alle figure umane, alle nature morte.


Roberto Ascolese
Francesco Russo,
da “Oltre”, Parigi, dicembre 2005

Frammenti… Ricordi… Oltre… Lo Spazio… Momenti che Francesco Russo fissa sulle sue tele.
Egli sceglie immagini istantanee di un mondo usato, vissuto e ne rincorre, con maestria, ora il lato compositivo, ora il messaggio sociale. L’artista vorrebbe andare oltre (la tela), non può, allora apre squarci, finestre di luci e ombre, con rispettosi usi cromatici, ed offre al fruitore opere di vibranti emozioni.


Angelo Calabrese
Nel senso vero della vita,
da “V.O.G.U.T. 5”, n. 1, Napoli, gennaio 2006

Francesco Russo fa pittura dell’esserci, dell’impegno a farsi presenza nella storia, qui e ora, umanamente testimoniando, nel flusso degli eventi che inesorabilmente ci trasformano, mantenendo il saldo rigore del sentire eticamente, operando cioè in nome della vita che è il valore, dove ogni creatura per essere vitale, deve mutare ed evolversi anche quando tutto sembra negare il progresso. Questo sapere che è sapore di vita acquista senso nella consapevolezza del flusso degli eventi, nella certezza unica che tutto si trasforma ineluttabilmente e alla dimensione umana giova la comunicata consapevolezza d’esserci, in semplicità d’appartenenza.


Due opere di Francesco Russo orneranno l'altare della Basilica di San Lorenzo Fuori le Mura di Aversa

Sabato 20 marzo, alle ore 17,30, presso la basilica di San Lorenzo Fuori le Mura di Aversa, in occasione del triduo in onore di San Benedetto, Sua Eminenza Reverendissima Cardinale Francis Arinze, Prefetto Emerito della Congregazione per il Culto Divino e per la disciplina dei Sacramenti, benedirà, e saranno presentate, le due nuove pale di altare opere del Maestro Francesco Russo di Trentola Ducenta: il “Transito di San Benedetto” e il “Martirio di San Lorenzo”.
Le due opere, collocate nelle cappelle absidali delle due navate laterali della struttura benedettina, fanno da corona ai rispettivi altari barocchi smembrati dall’incuria del tempo e dal vandalismo e sapientemente ripristinati dalla paziente e professionale cura di Mons. Ernesto Rascato.
Due opere di grande formato, quelle dell’artista ducentese che ancora una volta ci invita a riflettere e a partecipare, con una pittura di grande slancio, a momenti forti e ad episodi caratterizzanti della vita della Chiesa.


Esposizioni dell'artista:


Mostre personali in Italia

Alba 2003; Atina 2006 - 2007; Aversa 2003 - 2006 - 2010; Avezzano 2009;

Bacoli 2001; Bologna 2012; Borgo Medievale di Casertavecchia 2003 - 2008 - 2009 - 2010; Bressanone 1997;

Campolattaro 1997; Campoli Appennino 1996; Capua 1999; Carinaro 2002; Carpi 2002; Casal di Principe 1974 - 2008; Casaluce 1996; Caserta 1996 - 2001 - 2004; Colle di Val D’Elsa 2008; Cuma 2004;

Formia 2011; Frattaminore 2001; Frignano 1998 - 2000;

Gaeta 1998; Gesualdo 1997; Giugliano in Campania 1999;

Latina 2001; Lecce 2008;

Mondragone 2002;

Napoli 2004 - 2011;

Pozzovetere 1999 - 2002;

Roma 1997 - 2002;

San Leo 2000; S. Nicola la Strada 1996; S. Maria C.V. 1998 - 2010; S. Maria la Fossa 2005 - 2006; Sant’Arpino 1996; S. Sebastiano al Vesuvio 2002; Sora 2004; Spoleto 2001;

Tora e Piccilli 2007; Trentola Ducenta 1997 - 1998 - 2000 - 2006 - 2007 - 2011 - 2012;

Umbertide 2012; Urbania 2000; Urbino 1999;
Ventotene 2011; Villaricca 2009 - 2010 - 2011;



Mostre personali all’Estero

Barcellona 2012;

Ibiza 2011;

Meisterschwanden 2009; Montecarlo 2003; Mosca 2005;

Parigi 2005;



Mostre collettive in Italia

Acate 2009; Acerra 2011; Agrigento 2011 - 2012; Agropoli 2011; Alessandria 1997; Alife 2001 - 2002; Altamura 2011; Arezzo 2012; Atina 2005 - 2006 - 2007 - 2008; Atripalda 2010 - 2011; Avellino 2010 - 2011; Avella 2011; Aversa 1998 - 2000 - 2002 - 2003 - 2005 - 2007 - 2008 - 2009;

Bari 1999 - 2005 - 2007; Barletta 2001; Bedonia 2010; Bellona 2001; Belvedere di San Leucio 2004 - 2010; Benevento 2002 - 2004; Biella 2002; Borgo Medievale di Casertavecchia 1999 - 2000 - 2001 - 2002 - 2003 - 2005 - 2008 - 2009 - 2010 - 2011; Brindisi 2010;

Caiazzo 2009 - 2010; Caivano 2012; Calitri 2010 - 2011; Caltanisetta 2003; Capua 2009 - 2010 - 2012; Cardito 1996; Casagiove 2009; Casal di Principe 2000; Casalpusterlengo 1997 - 1999; Casaluce 2000; Caserta 2000 - 2001 - 2002 - 2003 - 2004 - 2006 - 2007 - 2010 - 2011; Casola di Caserta 2000; Castel Campagnano 2002; Castelnuovo 2011; Cesa 2003; Colle Val D’Elsa 2012; Corato 2011; Cosenza 2010 - 2012;

Fano 2011; Firenze 1998 - 1999 - 2000 - 2003 - 2012; Foggia 2000; Forlì 2012; Formia 2006 - 2011; Frignano 1996; Frosinone 2006;

Grottaminarda 2010 - 2011;

Imola 2012;

Lauro 2005; Lecce 2012; Lido degli Estensi 1997; Lignano Sabbiadoro 2011;

Maddaloni 2000 - 2002 - 2003 - 2004 - 2005 - 2006; Marcianise 2003; Milano 1998 - 1999; Modena 2003; Mondovì 2010; Montichiari 2005; Monza 2009; Morcone 1996;

Napoli 1997 - 2004 - 2006 - 2007- 2009 - 2011;

Ogliara 2010;

Padova 2003 - 2005; Palermo 2004 - 2009 - 2010 - 2011 - 2012; Palinuro 2002; Pantelleria 2000; Pescopagano 2010; Piacenza 1997; Pianella 2011; Piano di Sorrento 2010 - 2011; Piedimonte Metese 2002; Potenza 2011 - 2012; Pozzovetere 2008 - 2009 - 2011; Prato 1997 - 1998 - 1999 - 2000;

Reggio Calabria 1999 - 2000; Reggio nell’Emilia 1999 - 2005; Remanzacco 2011; Riccione 2000; Rimini 1999 - 2000; Roma 1997 - 1998 - 1999 - 2000 - 2001 - 2002 - 2003 - 2004 - 2005 - 2006 - 2008 - 2011;

San Giorgio a Cremano 2004 - 2005 - 2010; San Giorgio del Sannio 2004 - 2005; San Leucio di Caserta 2004; Sanremo 1996 - 1997 - 1998 - 1999 - 2000 - 2001; S. Maria a Vico 2011; S. Maria C.V. 2003 - 2007 - 2008 - 2010 - 2011; S. Maria la Fossa 2011; Sant’Angelo d’Alife 2007; Sant’Anastasia 2007; Sassari 1997; Sermoneta 2010; Sirmione 1999 - 2000; Sondrio 2011; Sorrento 2010; Soverato 2010; Spezzano 2000; Spoleto 1998 - 2000 - 2010 - 2011; Squillace 2011;

Teora 2012; Tivoli 2009; Torino 2003 - 2012; Trento 2008; Trentola Ducenta 1970 - 1974 - 1998 - 2000 - 2001 - 2009; Trivico 2011;

Vada 1997 - 1998 - 1999; Valenza Po 1999; Valmontone 2002; Venezia 2006 - 2012; Verona 2005 - 2006 - 2007; Vetralla 2005; Volturara Irpinia 2010;



Mostre collettive all’Estero

Amsterdam 2004; Atene 2001;

Bahia 2000; Barcellona 1999; Berlino 2002; Bruxelles 2003;

Cracovia 2001; Chouzé sur Loire 2008;

Dublino 2004 - 2011;

Ibiza 2002; Innsbruck 1998;

Kalkis 2000;

Laurana 2003; Lisbona 2003; Londra 1999;

Malta 2005 - 2011; Montecarlo 2002 - 2003 - 2005; Mosca 2005;

New York 2001;

Parigi 2000 - 2002 - 2003 - 2007; Praga 2004;

San Pietroburgo 1999;

Tirana 2011;

Varsavia 2012; Vienna 2001;

Zagabria 2012.

Hanno scritto:
M. Alemanno, A. Altieri, D. Aprile, A. Arduino, F. Rocco Arena, M. Arena, R. Ascolese, M. Attento, E. Battarra, D. Botrugno, I. Brignoli, G. Caiazzo, A. Calabrese, T. Campagnoli, A. Cantile, G. Capasso, A. Cardone, M. Casciano, T. Cerisoli, L. Cervino, S. Cervone, N. Ciccarelli, D. Cipullo, C. Coltella, P. Comparone, M. Conte, E. Corradini, M. B. Crisci, D. Cotenna, S. Dama, L. de Angelis, N. De Chiara, L. dello Vicario, D. De Lues, C. Del Villano, R. De Salvatore, C. Desgro, G. Di Ludovico, E. Di Vita, P. Esposito, E. Fabiani, G. Falossi, L. Fani, L. Fattore, F. Ferraiuolo, R. Ferrara, G. Galena, M. A. Gioia, G. Grossato, C. Inzerillo, E. Iorio, E. Iorio, G. Labrosciano, A. Leone, B. Lettieri (Brulè), M. Lombardi, L. Luberto, D. Marasà, S. Marenna, R. Marotta, V. Maselli, M. Masiello, A. Meglio, T. Meo, M. Mingione, S. Montanaro, R. Morra, F. Mosconi, R. Mugione, F. Musto, F. Nardi, E. Natale, P. Paciello, G. Pacilio, T. Palomba, N. Passariello, M. Pedata, M. Pellegrini, B. Perrone, A. Pezone, P. Pirone, S. Pizzo, A. Porfidia, R. Rapelli, E. Rascato, M. Rosa, B. Rotta, M. Saccoccia, C. Sagliano, G. Santabarbara, A. Santoro, L. Santoro, G. Sarnataro, M. Schioppa, C. R. Sciascia, C. dell’Arco Talarico, F. Tontoli, P. Tricase, G. Tridente, A. Varone, C.T.A. Verazzo, M. Vitiello, R. Volpecina, S. Zincone.

Ne hanno parlato:
Artantis.info, Arte, Artecultura, Art’è, Arte e Fede, Art Leader, Il Notiziario dell’A.I.A.M., EuroArte, ExpoArt, Miscellanea, OggiFuturo, Qui Touring, Sanremo Arte 2000, Senza Titolo, Tavolozza News, Val Arte: Bollettino Ufficiale della Borsa Valori delle opere d’Arte, V.O.G.U.T. 5, OI Magazine ???????? ??????.
Abbì - Abbè, Alto Adige, Avvenire, BPEM? C??, Caserta Nuova, Ciociaria Oggi, Controsenso, Corriere Adriatico, Corriere dell’Irpinia, Dolomiten, Free time magazine, Ha HEBCKOM ?e?ep?ypr, Il Caffè, Il Corriere di Caserta, Il Giornale di Caserta, Il Giornale di Napoli, Il Globo, Il Mattino, Il Mattino dell’Alto Adige, Il Messaggero, Il Messaggero del Sud, Il Punto, Il Quotidiano di Potenza, Il Quotidiano di Foggia, Il Resto del Carlino, Il Risveglio, I Popolari, Italturismo, La Gazzetta del Mezzogiorno, La Nuova del Sud, La Provincia, La Repubblica, Latina Oggi, Le Due Sicilie, Leggo Roma, Le Province, Libero, Lo Spettro Magazine, Lo Spettro quotidiano, L’Osservatore Romano, Nero su Bianco, Notizie, Nuova Gazzetta di Caserta, Nuovo Giornale, Otto Pagine, Quotidiano, Roma, Roma c’è, Vita dell’Alleanza,Voce, Le Province, La Stampa, Gazzetta D’Alba, Il Corriere di Alba, Buongiorno Campania.
RAIUNO, RAITRE Basilicata, RAITRE Campania, RAITRE Emilia Romagna, RAITRE Lazio; RAITRE Marche, RAITRE Sicilia, RAITRE Piemonte, Canale 5, Tele Luna, Tele Alternativa, TVA 64, Tele 2000 Urbino, Telecapri News, Tele Club Italia, Tele Luna 2, SKY.
   
   
 

E-Mail fra.russ@libero.it

Tel 081.8145896- 338.9660298

www.russofrancesco.it/


Francesco Russo
VIA ROMA, 57
81038 Trentola Ducenta (CE)


Copyright © 2003 - 2004 RomArt.it,  All rights reserved - email: info@romart.it

Web design: Tito Livio Mancusi & Egidio La Rosa